Tutti i Superfood spiegati in modo semplice

Miele di avocado, Jam di datteri, Zaatar e Salsa tahina. Scopriamo le loro proprietà benefiche

Miele di Avocado

In pochi sanno che esiste il miele di avocado, pianta di cui si conosce bene il frutto ma non si ricorda il fiore. Invece, è proprio dal suo nettare che le api producono un miele pregiato e raro, per questo viene confezionato in barattolini di piccole dimensioni.

Le origini di questo superfood sono messicane, l’avocado cresce e si coltiva anche in alcuni paesi del Centro e Sud America come l’Ecuador. Questa pianta esotica si trova anche nei territori che sono caratterizzati da un clima simile a quello del Messico, come Texas, California e Florida. Tra questi la California possiede le maggiori coltivazioni infatti produce il 95% degli avocado del Paese.

Il prodotto ricavato dal nettare dei fiori di avocado è un miele unifloreale caratterizzato da una colorazione ambrata. Al palato risulta morbido e setoso mentre il gusto è forte con un aroma affumicato e sciropposo. La consistenza del miele di avocado è piuttosto viscoso e spesso viene utilizzato al posto dello sciroppo di acero o quello di sorgo.



Proprietà e benefici

Il miele di avocado è uno dei più dotati per quanto riguarda le proprietà nutritive e benefiche che lo caratterizzano. Questo prodotto naturale contiene antiossidanti che contrastano l’invecchiamento cellulare, inoltre possiede un’alta concentrazione di vitamine del gruppo B, vitamina K, D, C ed E. Nel miele vi sono anche fibre, proteine e minerali importanti per mantenere le corrette funzionalità dell’organismo.

L’avocado è un frutto particolare che in Italia si consuma principalmente crudo come frutta oppure in insalata oltre che per la preparazione di salse e pietanze sia dolci che salate. In altri luoghi sono molto utilizzati, invece, anche il miele e l’olio di avocado che viene usato in sostituzione dell’olio di oliva.


Miele di avocado in cucina

Il miele di questo frutto dalle mille proprietà, è apprezzato soprattutto da coloro che amano il suo gusto persistente che si può assaporare in purezza su una fetta di pane casereccio. Ideale anche per chi soffre di celiachia abbinandolo però a gallette di riso o pane gluten free.

L’abbinamento con tisane calde o fredde, oppure yogurt naturale ne esalta il gusto compensandone la persistenza. Il miele di avocado si accompagna perfettamente anche con formaggi freschi, stagionati o affumicati: versato su noci, mandorle o pinoli costituisce uno spuntino sostanzioso da consumare a metà mattina oppure a colazione per avere una buona dose di energia e nutrienti per affrontare la giornata.

Jam di Datteri

I datteri sono frutti ricchi di proprietà benefiche per il corpo e la mente umana, le loro origini sono africane, crescono infatti sulle coste mediterranee dell’Africa, e asiatiche in quanto si trovano piante di datteri in abbondanza in Asia occidentale. La piantagione è costituita da palme da dattero, si tratta di una specie secolare in quanto può vivere molto a lungo, fino a toccare i 300 anni di età. La produzione è abbondante tanto da raggiungere una quantità di oltre 60 chilogrammi di datteri ogni anno.


Proprietà e benefici

La ricchezza di minerali, tra cui ferro, e vitamine, lo rendono un prodotto nutriente. Gli zuccheri contenuti nei datteri sono naturali e si possono utilizzare come dolcificanti alimentari e per le bevande. Consumare regolarmente i datteri contribuisce a ridurre il colesterolo è quindi importante introdurli in una dieta equilibrata. La loro azione antinfiammatoria li rende perfetti per alleviare i sintomi dovuti a malattie da raffreddamento e le irritazioni della gola.

Si tratta di frutti privi di colesterolo e con una quantità di grassi irrisoria, sono invece un’ottima fonte di fibre che facilitano le funzioni gastrointestinali e contengono vitamine del gruppo B, fondamentali per il benessere dell’organismo. La vitamina C previene e cura le malattie che colpiscono l’apparato respiratorio e dona energia mentre gli amminoacidi contenuti nel dattero aiutano la digestione.

Ottima fonte di energia immediata, i datteri sono ottimi per gli sportivi o per chiunque voglia avere sempre con sé un frutto ricco di zuccheri naturali tra cui il fruttosio. Per tale ragione si possono utilizzare anche per una colazione leggera ma molto nutriente, uniti alle mele e alle bacche di goji per un frullato che risveglia corpo e mente, arricchito di cereali per ottenere un ottimo sostituto del pasto.


I datteri in cucina

A metà mattina e metà pomeriggio i datteri sono ideali come spezzafame purché siano naturali e privi di conservanti artificiali. Il potassio contenuto in essi e lo scarso contenuto di sodio favorisce il corretto funzionamento dell’apparato cardio-circolatorio. Questo superfood contiene ferro in buone quantità, utile quindi in caso di anemia. Chi soffre di stitichezza, invece, non dovrà fare altro che lasciare un dattero immerso nell’acqua contenuta in un bicchiere per una notte intera. Il giorno dopo potrà filtrare il liquido per poi berlo e consumare i frutti per risolvere il problema della stipsi in modo naturale.

Infine non bisogna dimenticare che il dattero ha anche poteri afrodisiaci, per questo motivo è uno degli ingredienti di un elisir indiano composto da una manciata di datteri che vengono immersi nel latte di capra durante la notte. Il mattino seguente si frullano i frutti nel latte per alcuni minuti e si dolcifica con un cucchiaino di miele, infine si aggiungono i semi di cardamono polverizzati, si mescola e si beve.

I benefici del frutto della palma da dattero, riguardano anche la vista in quanto il suo consumo costante protegge gli occhi. Bisogna tener presente, però, che il suo contenuto di zuccheri potrebbe influire negativamente sulle persone malate di diabete o che seguono diete ipocaloriche. In caso vi siano allergie conclamate al dattero o una malattia particolare, consultare il medico prima dell’assunzione.

Le proprietà dei datteri si mantengono intatte anche consumando il frutto superfood sottoforma di marmellata, molto apprezzata da chi ama il gusto del frutto e che può essere facilmente porzionata in piccoli contenitori per portarla sempre con sé. Utile per avere una sferzata di energia in qualunque momento della giornata.

Zaatar

Lo zaatar è un miscuglio di spezie selezionate secondo antiche tradizioni del Medio Oriente. La ricetta originale contiene diverse piante aromatiche, tra queste vi sono sumac, maggiorana, timo, origano, semi di sesamo e semi di cumino oltre a sale grosso.


 Proprietà e benefici

Questo composto non è molto conosciuto e veniva utilizzato fin dall’antichità per le sue particolari proprietà benefiche. Tracce di zaatar sono state ritrovate all’interno della tomba del faraone Tutankamon. Restando in Italia, Plinio il grande, filosofo, naturalista e governatore della Roma antica nomina lo zaatar tra le righe di alcuni suoi libri. Lo scrittore, infatti, ne parla descrivendolo come ingrediente principale di un unguento reale molto utilizzato a quei tempi per i suoi effetti miracolosi. Le tradizioni ebraiche utilizzano da sempre questa miscela per effettuare i rituali di purificazione.


Lo Zaatar in cucina

L’insieme di spezie viene da sempre considerato un condimento in Libano, Palestina e Israele che variano leggermente la composizione a seconda dei
loro gusti ed esigenze. In Medio Oriente si crede che possa agire sulla mente migliorandone le capacità, il potenziamento avviene anche a livello fisico per questo durante alcuni conflitti si costringevano i soldati a consumare focacce allo zaatar .

Ogni spezia contenuta nello zaatar possiede molte qualità tra queste vi è la proprietà antisettica e antibatterica, inoltre il mix naturale favorisce il processo digestivo e tonifica il corpo. Essendo un’importante fonte di ferro, magnesio, potassio, fosforo, calcio e vitamine, si tratta di un alimento superfood a pieno titolo.

In cucina, lo zaatar , trova spazio come miscela di spezie profumatissime e molto aromatiche da abbinare a portate di carne o verdure. Se lo si aggiunge all’olio di oliva e si lascia in infusione per un mese, si ottiene un ottimo condimento da utilizzare in purezza ma perfetto anche da aggiungere a sughi e salse di ogni genere.

Salsa Tahin

La salsa tahin è una crema molto utilizzata in oriente, la sua preparazione consiste nella cottura a vapore di semi di sesamo decorticati e macinati, viene abbinata all’ummus in qualità di ingrediente fondamentale oppure si utilizza per accompagnare diverse pietanze tra cui il falafel o le polpette di legumi con spezie. La Tahin si può trovare facilmente in negozi e ristoranti etnici ma anche nei supermercati meglio forniti e che sono dotati di un settore dedicato agli elimenti etnici.


Proprietà e benefici

I benefici che si possono ottenere dal consumo del superfood tahin, sono molti grazie al contenuto abbondante di nutrienti fondamentali. La salsa tahin ha il potere di rinforzare il sistema immunitario in quanto contiene vitamine del gruppo B e sali minerali tra cui il ferro.

Il calcio fornito dalla salsa tahin aggiunta alla dieta, aiuta a prevenire l’osteoporosi rinforzando la struttura scheletrica. Le proprietà antisettiche difendono l’organismo dalle infezioni e la presenza di zinco ha funzioni protettive. Inoltre, nella salsa superfood è contenuto il selenio che agisce come antiossidante mantenendo la pelle e le cellule corporee sempre giovani e perfettamente funzionanti.


Salsa tahin in cucina

Questa salsa si può acquistare pronta oppure si può fare da soli utilizzando pochi ingredienti e un tempo brevissimo. Tutto ciò che serve è 100 grammi di semi di sesamo provenienti da coltivazioni rigorosamente biologiche, olio di semi di sesamo, sale quanto basta. Tostare i semi di sesamo facendoli saltare in una padella antiaderente per qualche minuto a fuoco lento. Dopo la tostatura si passa alla macinatura finissima a cui si aggiunge olio e sale fino a raggiungere la giusta consistenza.


Come si usa la salsa tahin

Si può ottenere una variazione della salsa tahin aggiungendo alla ricetta originale, dell’acqua e del limone insieme all’aglio tritato. Miscelare bene e unire il prezzemolo, aggiustare di sale amalgamando il tutto fino a che non si viene a creare un composto simile alla maionese. Ottima da gustane sul pane casereccio, in accompagnamento a falafel e polpette vegetariane, per accompagnare verdure crude. Infine si può utilizzare la tahin come addensante da aggiungere alle vellutate al posto di farina e panna.

Inizia a perdere peso e ridurre i disturbi intestinali grazie ai superfood. Qui sotto puoi scaricare sei ricette facili e gustose per rimanere in forma e mantenere il giusto apporto proteico

Articoli correlati...

SUPERFOOD

info@argasrl.com

Milano 20145

Via San Bernardino Telesio 2

Scopri di più sul Freekeh sui social

mangia
sano

Inserisci la tua mail per ricevere subito 6 ricette facili e gustose con il Freekeh, per rimanere in forma e mantenere il giusto apporto proteico